Aspetti da valutare del preventivo di un prestito Inpdap: info e linee guida

Tutti i lavoratori del settore pubblico oggi possono accedere a numerose tipologie di prestiti e agevolazioni economiche, come ad esempio nel caso dei prestiti INPDAP. L’accesso a questi prestiti ha permesso solamente a coloro che dispongono di tutti i giusti tipi di requisiti che sono utili per richiederli, e si riveleranno essere quindi degli ottimi strumenti che offrono numerose possibilità dal punto di vista economico potendo godere quindi di agevolazioni finanziarie e creditizie di ottima qualità e che sono anche particolarmente convenienti. Si tratta quindi di finanziamenti dal carattere agevolato, che sono caratterizzati dall’applicazione di tassi fissi e che prevedono un rimborso con rate costanti. Sono dei finanziamenti grazie ai quali è possibile ottenere una certa liquidità che può essere utile sia per le spese più piccole che anche per quelle più grandi, come per la realizzazione di progetti importanti.

Andare alla ricerca del miglior tipo di prestito INPDAP spesso non è così semplice come si potrebbe pensare, per cui è bene considerare alcuni aspetti prima di scegliere di sottoscrivere un certo tipo di contratto di prestito. Sono quindi dei prestiti che non sono destinati a tutte le categorie di lavoratori, ma che si rivolgono invece soltanto ai lavoratori pubblici e ai pensionati che sono ex dipendenti pubblici. Spesso anche i costi e le spese complessive per un prestito Inpdap possono cambiare di tanto anche da una soluzione di credito all’altra.

Preventivi prestiti INPDAP: cosa valutare

Analizzare tutte le voci che sono presenti all’interno del preventivo di un prestito INPDAP è certamente di fondamentale importanza, dal momento che non occorre solamente essere un dipendente della pubblica amministrazione per poter accedere a un prestito Inpdap che sia davvero conveniente per noi. Bisogna quindi rispettare tutta una serie di requisiti utili per poter accedere al credito, tra cui ad esempio il fatto di essere in possesso di un contratto di lavoro a tempo indeterminato con almeno 4 anni di contributi versati e 4 anni di anzianità di servizio per la pensione. Dei preventivi di un prestito Inpdap occorre considerare poi altri fattori tra cui l’importo di denaro che si richiede, ovvero se si tratta di piccoli prestiti oppure di prestiti pluriennali, che possono essere di tipo diretto oppure di tipo garantito.

I preventivi dei prestiti INPDAP possono prevedere anche l’applicazione di tassi di interesse leggermente diversi da una soluzione di credito all’altra per cui devi valutare con molta attenzione quale soluzione potrebbe essere quella più conveniente per te, soprattutto in riferimento al rimborso previsto. Oggi, grazie al sito dell’INPS è possibile non solo fare domanda per ricevere un prestito ma anche riuscire ad ottenere una sorta di preventivo grazie alla sottosezione della macro-sezione “Prestazioni e servizi” che porta la dicitura “Simulazione prestito”. Puoi così inserire l’importo che desideri richiedere in prestito all’interno di un apposito form, inserendo la vostra data di nascita e la rata mensile ideale, che intendete pagare e che inoltre siete disposti a versare mensilmente per il suo rimborso.

Dettagli e funzionamento

Se ad esempio optate per la richiesta di un prestito pluriennale diretto di circa 10.000€ da rimborsare in 60 rate, allora la rata ideale mensile che vi potrebbe essere richiesta è di 200€. È molto importante effettuare questi calcoli prima di scegliere di accettare una certa soluzione di credito erogata dall’INPS, dal momento che alcune soluzioni anche in base ai tassi di interesse applicati e anche in base agli importi delle singole rate mensili che sono previste da loro rimborso possono risultare più o meno convenienti. Il funzionamento di questi prestiti è abbastanza semplice dal momento che possono essere richiesti anche direttamente di persona oppure sul sito web dell’INPS optando, tra le altre modalità, anche per il rimborso con cessione del quinto. Scopri di più sui preventivi di un prestito Inpdap destinato ai dipendenti pubblici.